it
it

SABATO 24 OTTOBRE

SALA GRANDE – PROGRAMMA

SABATO 24 OTTOBRE – MATTINA h. 9.30 – 13.00

Isonzofront, la mia storia
Nazione: Italia – Regia: Massimo Garlatti-Costa – Durata: 54’ – Anno di produzione: 2016 – Produzione: Massimo Garlatti-Costa, Raja Films – Consulenza scientifica: Giacomo Viola

Lingua: italiano
La docu-fiction racconta gli anni della prima guerra mondiale sul fronte italiano attraverso le testimonianze dei civili, dei soldati italiani e austroungarici, ricavate da testimonianze dell’epoca: lettere, racconti e diari manoscritti dell’Archivio Diaristico Nazionale. Quasi come in una sorta di Spoon River della Grande Guerra, i protagonisti, raccontano le loro esperienze vissute, accompagnati dagli storici e dalle immagini di archivio; “testimonianze” che narrano allo spettatore un momento critico della vita dei protagonisti della prima guerra mondiale, uomini, donne, bambini.

Rottami Preziosi
Nazione: Italia – Regia: Velia Polito, Giuliano De Felice – Durata: 8’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: Giuliano De Felice per Teatro Pubblico Pugliese – Consorzio Regionale per le Arti e la Cultura – Consulenza scientifica: Rita Auriemma

Lingua: senza parlato – Sottotitoli: italiano, inglese
Preziose statue in bronzo, strappate dalle loro antiche dimore in Grecia, sfigurate fino a farne rottami, disperse nel mare e ritrovate per caso sul fondale, vicino Brindisi. Sono questi i capitoli dell’avvincente storia dei Bronzi di Punta del Serrone, che nel breve filmato raccontano se stessi, parlandoci con un linguaggio poetico e incantato, accompagnati dalle suggestioni della computer animation e da accuratissimi modelli tridimensionali

I misteri di Cabeço da Mina
Os Enigmas do Cabeço da Mina
Nazione: Portogallo – Regia: Rui Pedro Lamy – Durata: 27’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: Ethno – Consulenza scientifica: Nelson Campos

Lingua: italiano – Sottotitoli: inglese
Il film descrive un enigmatico sito archeologico dove è stato scoperto una rara serie di statue-menhir con fattezze antropomorfe. Il documentario collega la realtà geografica e quella storica della regione circostante ad alcune affascinanti scoperte effettuate nella bellissima Vale da Vilariça, nella regione settentrionale del paese.

Indagini in profondità – Il robot degli abissi
Enquêtes en eaux profondes – Le robot des abysses
Nazione: Francia – Regia: Guilain Depardieu, Frédéric Lossignol – Durata: 26’ – Anno di produzione: 2017 – Produzione: Gedeon Programmes, Stphane Milliere, Thibaut Martin, DRASSM, Science & Vie TV et RMC Découverte – Consulenza scientifica: Michel L’Hour

Lingua: italiano
Nell’aprile del 2016, al largo delle coste di Tolone, in Francia, una squadra di archeologi sta per inviare su di un relitto un robot umanoide chiamato “Ocean One”. Si tratta di una strana creatura, che sembra essere venuta fuori da un film di fantascienza: i ricercatori californiani l’hanno sviluppata con quelli francesi per sostituire l’essere umano nelle immersioni a grandi profondità. Sarà in grado, questo robot, di eseguire la campionatura in autonomia, raggiungendo il relitto alla profondità di 90 metri? 

Progetto Albanus: dentro l’antico emissario
Nazione: Italia – Regia: Massimo D’Alessandro – Durata: 53’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: Maria Teresa Pilloni per A.S.S.O. Onlus – Consulenza scientifica: Carla Galeazzi, Carlo Germani, Mario Mazzoli

Lingua: italiano
L’emissario del lago Albano è una delle più antiche testimonianze romane di ingegneria idraulica di straordinario valore storico, archeologico e geologico, sino ad oggi scarsamente indagata per le enormi difficoltà esplorative. Questo documentario racconta l’avvincente storia di oltre tre anni di esplorazioni della Federazione Speleologica Hypogea che ha affrontato per la prima volta, in modo sistematico e con tecniche avanzate, l’esplorazione completa dell’emissario del lago Albano.

SABATO 24 OTTOBRE – POMERIGGIO h. 15.30 – 19.00

Ritorno a Berenice Pancrisia. In memoria di Alfredo Castiglioni
Nazione: Italia – Regia: Angelo Castiglioni – Durata: 40’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: Ce.R.D.O. – Centro Ricerche sul Deserto Orientale – Consulenza scientifica: Serena Massa

Lingua: italiano
Cronaca dell’ultima missione archeologica a Berenice Pancrisia (deserto nubiano sudanese) nel 1997. Alfredo Castiglioni, in presa diretta, racconta la storia di questo importante centro urbano legato all’estrazione dell’oro fin dall’Antico Egitto. Il documentario evidenzia, attraverso ricostruzioni filmiche, la dura vita dei minatori che estraevano il prezioso metallo, così come ci è stato tramandato nelle descrizioni lasciateci da Diodoro Siculo, lo storico siceliota del I secolo a.C.

prima nazionale
Bakhtiari sulle pendici di Oshtrankuh
Bakhtirihaey Damaneh Oshtrankuh
Nazione: Iran – Regia: Mohammadreza Hafezi – Durata: 40’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: Mohammadreza Hafezi

Lingua: italiano
Film etnografico di forte impatto naturalistico e umano che va alla scoperta di una remota realtà. Penetrando del cuore di un Iran poco conosciuto, documenta le tradizioni e le usanze della piccola tribù dei Bakhtiari. 

prima nazionale
Stonehenge – Bringing back the dead
Nazione: Austria – Regia: Nick Gillam-Smith – Durata: 50’ – Anno di produzione: 2013 – Produzione: Terra Mater Factual Studios, Oxford Scientific Films, in associazione con Channel 4

Lingua: italiano
Stonehenge è rimasto un enigma per secoli. Adesso un team guidato da rinomato archeologo Mike Parker Person ha fatto alcune straordinarie scoperte in grado si risolvere il più grande mistero della Preistoria. Sotto il sito di Stonehenge sono sepolti antichi corpi. Nel film l’équipe analizza 63 di questi individui, scoprendo così che facevano parte di una comunità elitaria di famiglie aristocratiche, cremati oltre 5000 anni fa. Il vero significato di Stonehenge viene rivelato quando Mike e il suo staff scoprono che le prime pietre posate sul sito erano segnacoli di queste tombe… Stonehenge era dunque originariamente un grande cimitero preistorico circolare, completamente diverso da quello che appare oggi.

prima nazionale
Tsunami, una minaccia globale
Tsunamis, une menace planetaire
Nazione: Francia – Regia: Pascal Guérin – Durata: 52’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: ZED, Gaëlle Guyader, Christine Le Goff

Lingua: italiano
Utilizzando tecnologie all’avanguardia, CGIs, video amatoriali impressionanti e ricostruzioni dei disastri del passato, il documentario rivela i complessi meccanismi degli tsunami, nel tentativo di prevedere quelli futuri. Grazie all’accesso esclusivo a Palu, in Indonesia – dove di recente si è verificato un violento e insolito tsunami – seguiamo l’équipe scientifica di “cacciatori di tsunami” in una zona limitata e nei loro laboratori, per determinare cosa ha causato uno tsunami così violento e mortale. Il lavoro contro il tempo di questo team di esperti mondiali ci immerge negli scenari spettacolari, e allo stesso tempo minacciosi, di un prossimo futuro.

SABATO 24 OTTOBRE – SERA h. 21.00 – 23.00

The Sound of that Beat
Nazione: Iraq, Italia – Regia: Mirko Furlanetto – Durata: 5’ – Anno di produzione: 2020 – Produzione: Mirko Furlanetto, Università di Bologna – Consulenza scientifica: Università di Bologna

Lingua: inglese – Sottotitoli: italiano
Una madre accompagna per la prima volta il figlio a visitare il Museo Nazionale di Baghdad. Lo scopo della mamma è quello di spiegare al piccolo visitatore l’importanza di questo luogo. In un territorio in “ripartenza”, la valorizzazione e la conservazione del patrimonio archeologico ed artistico rappresentano il “battito” di una Nazione affinché il cuore centrale possa ritornare in futuro a pulsare regolarmente.

Mostri e miti
Monsters and myths
Nazione: Germania – Regia: Carsten Gutschmidt – Durata: 52’ – Anno di produzione: 2018 – Produzione: Iris Schaeffer-Flechtner, NFP neue film produktion GmbH

Lingua: italiano
I draghi sono i mostri più importanti di tutti i tempi. In Europa, erano stati un ritratto del male fin dal Medioevo. Nei paesi orientali rappresentano fortuna e potere. È possibile che sia davvero esistita una specie come questa? L’équipe del film va alla ricerca delle tracce dei draghi nel corso del tempo. Incontriamo anche uno scienziato che afferma di aver trovato ossa di veri unicorni, mentre la superstar Johnny Depp riferisce della sua lotta con un mostro moderno chiamato Chupacabra. Testimoni oculari descrivono la bestia come un crudele succhiasangue. Il documentario utilizza metodi scientifici per rintracciare la verità nascosta dietro questi miti, mentre le animazioni elaborate riportano in vita i mitici mostri.

prima nazionale
Gli ultimi segreti di Nazca
The last secrets of Nasca
Nazione: Francia – Regia: Jean Baptiste Erreca – Durata: 52’ – Anno di produzione: 2018 – Produzione: One Planet – Consulenza scientifica: Aicha Bachir Bacha

Lingua: italiano
Nel sud del Perù, ai piedi della catena montuosa delle Ande, i Nazca costruirono città e disegnarono un’immensa rete di linee geometriche e geoglifi. Chi rappresentavano queste figure enigmatiche visibili solo dal cielo e qual era il loro significato? Un team di archeologi di tutto il mondo sta sfruttando le ultime tecnologie per scoprire uno dei più grandi segreti dell’umanità. Le loro ultime campagne di scavo hanno portato alla luce nuove mummie, tessuti favolosi, ceramiche e misteriosi teschi allungati…


SALA PICCOLA – PROGRAMMA

SABATO 24 OTTOBRE 2020

ORIGINAL SOUND

prima nazionale
[ore 10]

The last secrets of Nasca
Nazione: Francia – Regia: Jean Baptiste Erreca – Durata: 90’ – Anno di produzione: 2018 – Produzione: One Planet – Consulenza scientifica: Aicha Bachir Bacha – Lingua: francese

Nel sud del Perù, ai piedi della catena montuosa delle Ande, i Nazca costruirono città e disegnarono un’immensa rete di linee geometriche e geoglifi. Chi rappresentavano queste figure enigmatiche visibili solo dal cielo e qual era il loro significato? Un team di archeologi di tutto il mondo sta sfruttando le ultime tecnologie per scoprire uno dei più grandi segreti dell’umanità. Le loro ultime campagne di scavo hanno portato alla luce nuove mummie, tessuti favolosi, ceramiche e misteriosi teschi allungati…

[ore 11.30]
Yuyos
Nazione: Italia – Regia: Michal Krawczyk, Giulia Lepori – Durata: 70’ – Anno di produzione: 2018 – Produzione: Michal Krawczyk, Giulia Lepori – Consulenza scientifica: Michal Krawczyk, Giulia Lepori

Lingua: spagnolo, guaranì – Sottotitoli: italiano
“I Yuyos sono tutte le piante spontanee che possono essere medicinali o semplici erbe. Ci sono yuyos tossici e altri benefici per la salute”. Nella Colonia Luz Bella, in Paraguay, i ricercatori Giulia Lepori e Michal Krawczyk vivono con la famiglia contadina Franco Gauto per documentarne le conoscenze etnobotaniche in relazione alla loro quotidianità. Nato per riscattare il patrimonio della medicina natura ledi una famiglia dedita all’agroecologia, il film etnografico si fa portavoce di una comunità in convivenza con la deforestazione. In un contesto di condivisione familiare, facilitata soprattutto dalla bevanda sociale del tereré, i yuyos diventano agenti narrativi di storie d’impegno ed eco-resistenza.

[ore 12.45]
La Alhambra en juego

Nazione: Spagna – Regia: José Sanchez Montes – Durata: 70’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: Sacromonte Films S.L. – Consulenza scientifica: Patronato Alhambra y el Generalife
Lingua: spagnolo – Sottotitoli: inglese
Nel corso dei secoli la Alhambra ha vissuto momenti di grave pericolo. Il suo utilizzo come dimora privata, ricovero o polveriera avrebbe potuto mettere fine a questo esempio unico di architettura. Dopo la partenza dei musulmani ha subito ogni sorta di minaccia: depredazioni, incendi, crolli o semplice incuria da parte dei responsabili della sua conservazione…

[ore 14]
Gurumbé. Canciones de tu memoria negra
Nazione: Spagna – Regia: Miguel Ángel Rosales – Durata: 72’ – Anno di produzione: 2016 – Produzione: Miguel Paredes – Intermedia Producciones

Lingua: spagnolo, portoghese – Sottotitoli: italiano
Nel Sud Europa, dove oggi le frontiere vengono blindate con recinzioni e muraglie, ieri fioriva un commercio che trascinava migliaia di africane e africani all’esilio e allo sfruttamento. Gurumbé narra la loro storia, per interrogarci sul nostro presente e ricordarci che l’Africa è già parte di noi.

[ore 15.15]
The Theater of Scupi
Nazione: Macedonia del Nord – Regia: Vladimir Blazevski – Durata: 52’ – Anno di produzione: 2019 – Produzione: Darko Popov – Consulenza scientifica: Viktor Lilcic, Antonio Jakimovski

Lingua: macedone – Sottotitoli: inglese
Film scientifico-educativo che documenta l’intero processo di ricostruzione del teatro romano di Scupi (pochi chilometri dal centro di Skopje, in Macedonia del Nord), un monumento di rilevanza nazionale, ma soprattutto di civiltà. Parallelamente, la storia della città di Scupi è in fase di elaborazione. Il film non rivela solo i segreti del teatro: ci introduce nell’archeologia come scienza e nella conservazione come arte.